Bilog Bilog dolce filippino

mia mamma la preparava quando organizzava grandi e feste a casa, dove invitava praticamente tutte le filippine nel raggio di 20 km 🤣 si mangiava un maiale 🐷 intero arrosto, che cuoceva infilzato in un bastone di bambù per 7 ore sulla brace accompagnate da tante verdure e riso e poi si terminava con un tripudio di dolci e dolcetti. Le filippine sono delle buongustaie 😉

È golosissimo, cremosissimo... puoi aggiungere quello che vuoi, fosse per me metterei solo gli gnocchi di riso glutinoso, troppo buoniiiiii!!!😍

Per la video ricetta clicca qui.



LISTA DELLA SPESA

✔️150 farina di riso glutinoso

✔️1.2-1.5 dl di acqua

✔️1/2 banana da cuocere

✔️1/4 di patata dolce

✔️30 gr di tapioca

✔️5 dl di latte di cocco

✔️3 cucchiai di zucchero di canna


NB. C’è chi aggiunge anche il mais in scatola, ma a me non piace, mia mamma invece a volte non mette la tapioca che non sempre ha in casa.


PROCEDIMENTO


In abbondante acqua cuoci la tapioca per 15-20 min, quando diventa trasparente e appiccicosa è pronta. Scolala e mettila da parte.


Taglia a cubetti la banana e la patata dolce.


Versa il latte di cocco in una pentola, con 1/2 cucchiaio di zucchero e porta a ebollizione.


Tuffaci la banana e la patata dolce che dovranno cuocere un 10-15 minuti, fino a quando sono cotte. Assaggia per vedere se lo vuoi più dolce.


Versa la farina di riso in una ciotola e aggiungi a poco a poco l’acqua a temperatura ambiente fino a formare una pasta adatta a formare degli gnocchi. Se ne hai messa troppa (come ho fatto io 😌) basterà aggiungere altra farina di riso.


Fai gli gnocchi (1 cm di diametro) e mettili su un piano infarinato di farina di riso per evitare che si incollino.


Quando la banana e la patata sono cotte, versa gli gnocchi e fai cuocere un 5 minuti. Quando salgono a galla sono cotti.


Infine aggiungi la tapioca cotta.


E il dessert è pronto!


Se risulta un po’ troppo denso puoi aggiungere altro latte di cocco o anche latte di mucca.... che bontà! ❤️ Puoi conservarlo un paio di giorni in un contenitore ermetico e scaldarlo con un po’ di latte.